Progetto Orto Urbano a San Paolo

Progetto Orto Urbano a San Paolo

A seguito di bando è stata assegnata dal Comune di Treviso all’Associazione Quartiere San Paolo, l’area di proprietà comunale in via Borgo Furo 39/A per la realizzazione del progetto Orto Urbano San Paolo.

Il Progetto “Orto Urbano San Paolo”

Su iniziativa di un gruppo di cittadini del nostro quartiere, è stato proposto al Comune di Treviso un piano per la valorizzazione del quartiere di San Paolo. Uno dei punti cardine di questo progetto è l’individuazione di un area da destinare alla realizzazione di un orto urbano che possa favorire la socializzazione degli abitanti e che dia l’opportunità a tutti di avere un appezzamento di terra da coltivare.
L’area individuata e assegnata all’Associazione Quartiere San Paolo, è sita in via Borgo Furo, dove una tempo sorgevano le case del Centro di Aiuto alla Vita, nell’area tra la casa detta “Bepi dei Cani” e il confine con le vicine strutture parrocchiali di San Paolo.
Nel terreno già da tempo alcuni volontari stanno lavorando per realizzare circa 35-40 orti della dimensione di 35mq ciascuno.

Chi sostiene l’iniziativa

Associazione Quartiere San Paolo – quartiereovest@libero.it
Associazione NOI San Paolo – via Grecia, 2
Associazione I Care – viale Francia, 24
Gruppo Anziani Treviso – via Calabria, 12
Cooperativa Il Sestante – viale Francia, 2
Cooperativa Solidarietà – via 33° Reggimento Artiglieria, 24
Cooperativa Topinanbur – via 33° Reggimento Artiglieria, 24
Edicola San Paolo – via Germania

Orto Urbano San Paolo

Manifestazione di Interesse

Bando Il bando è destinato ai residenti nel Comune di Treviso.
Per poter essere assegnatari di un lotto occorre presentare domanda formale entro il 6 maggio 2015, il documento è disponibile online a questo indirizzo oppure presso le sedi delle associazioni promotrici.
Recapiti La domanda compilata in carta semplice va presentata tramite:
Consegna diretta presso l’edicola San Paolo in via Germania
Mezzo postale presso Associazione Quartiere San Paolo c/o Il Sestante, viale Francia 2, 31100 Treviso.

Criteri di Assegnazione

I lotti del progetto Orto Urbano San Paolo saranno assegnati valutando con criteri sottostanti la pertinenza delle domande pervenute. Esaurite le valutazioni con i criteri di priorità, in presenza di domande superiori alla disponibilità dei lotti, si farà ricorso al sorteggio.
Residenza Sarà considerata positivamente la residenza nei quartieri limitrofi:
San Paolo (10 pt.), San Liberale e Santa Bona (8 pt.), Monigo (6 pt.), altri quartieri della città di Treviso (2 pt.);
Abitazione Saranno agevolati i residenti che non hanno spazio per poter coltivare un orto proprio: abitazione in condominio (3 pt.);
Nucleo Familiare Sarà data priorità ai nuclei familiari con persone diversamente abili (5 pt.);
Età Almeno 10 lotti saranno assegnati ai richiedenti di età inferiore ai 60 anni, nati dall’anno 1955 in avanti.

Assegnazione

Discriminante Nei casi di persone che hanno già in concessione, a loro o a familiari conviventi, un orto urbano nel territorio comunale, l’assegnazione è condizionata dalla rinuncia della precedente.
Contributo Gli assegnatari di un lotto nel Progetto Orto Urbano San Paolo sono tenuti a versare 40 € al momento dell’assegnazione e successivamente un contributo annuale a copertura dei costi di gestione dell’area, circa 30-35 €/anno.
Durata L’assegnazione ha durata biennale, data e luogo del sorteggio saranno comunicate a tutti i richiedenti.

Scelte qualificanti del Progetto “Orto Urbano San Paolo”

Ambiente Gli assegnatari sono invitati a recarsi nell’orto a piedi o in bicicletta, evitanto l’uso di mezzi di trasporto inquinanti, per contenere l’inquinamento dell’aria;
Orto della Gratuità Un appezzamento dell’Orto Urbano San Paolo sarà per i più bisognosi, alla coltivazione contribuiranno quanti sono disponibili e i prodotti saranno devoluti a persone e famiglie in condizioni svantaggiate.

Norme e prescrizioni – Orto Urbano San Paolo

Coltivazione

L’orto assegnato va coltivato con attrezzatura personale, escludendo la possibilità di avvalersi di manodopera retribuita.
I prodotti del proprio orto non devono essere venduti a terzi ma destinati al consumo familiare o alle esigenze della collettività a mezzo di enti o strutture no profit che operino in ambito socio-assistenziale.

Agricoltura

Occorre utilizzare tecniche naturali che valorizzino la fertilità del suolo, evitando laddove possibile l’utilizzo di prodotti chimici, concimi, diserbanti e antiparassitari, sostituendoli con prodotti ammessi dall’agricoltura biologica, fertilizzanti ottenuti per compostaggio di resti vegetali e altri residui.

Rifiuti

I prodotti negli orti che non siano resti vegetali vanno smaltiti presso la propria abitazione, provvedendo al loro conferimento nel servizio pubblico di raccolta dei rifiuti. E’ vietato scaricare nell’orto qualsiasi tipo di materiali anche se non inquinanti.

Proprietà

Il lotto non deve essere recintato, è consentita la semplice delimitazione di massimo 30 cm di altezza. L’orto deve essere mantenuto in uno stato decoroso, curandone la pulizia da erbacce e quant’altro possa fare ingombro dei passaggi secondari tra un’aiuola e l’altra. E’ vietato danneggiare altri orti confinanti. E’ vietato consedere ad terzi l’utilizzo del terreno assegnato. E’ vietato tenere animali di qualsiasi specie.

Norme comuni

Un eventuale allestimento di ricovero attrezzi sarà realizzato in forma collettiva. Deve essere consentita la libera circolazione pedonale lungo i passaggi principali e secondari tra gli appezzamenti e le strade pubbliche e private. E’ fatto divieto di dare molestia al vicinato, si auspica il mantenimento di relazioni corrette con gli altri assegnatari.

Disdetta

La rinuncia all’utilizzo dell’orto va comunicata tempestivamente.


Avviso Orto Urbano
Avviso

Domanda assegnazione orto
Domanda assegnazione


Ulteriori informazioni

Alla nostra pagina contatti, oppure tramite email all’indirizzo quartiereovest@libero.it